Come da titolo oggi è il curriculum day.

Ho inviato  nove C.V. in giro per l’Austria. Meglio darsi da fare subito…il lavoro non lo regala nessuno e anche se in Austria la situazione non è disastrosa (4,9% di disoccupazione) non è neanche la migliore. Rimane il problema lingua, ma questo si vedrà quando dovrò affrontare il primo colloquio. Mi spaventa un po l’idea di lavorare in Austria. Come saranno i colleghi? Com’è organizzato il lavoro? Qual è il livello di competenza delle altre persone che lavorano? Quanto pretendono da chi lavora? Le domande sarebbero molte, ma se non inizio non riuscirò ad avere risposta 😉

p.s. In Austria esiste un equivalente del nostro ufficio di collocamento, l’AMS, che permette di cercare lavoro ma anche di riqualificare (con corsi professionali) chi il lavoro l’ha perso. Sono inclusi gli stranieri che non hanno una buona conoscenza del tedesco, per i quali vengono aperti corsi di lingua tedesca. Il dato sulla disoccupazione che ho citato sopra è quello calcolato con il metodo dell’ Eurostat in cui anche chi è disoccupato, ma frequenta questi corsi e quindi riceve un sussidio di disoccupazione, risulta occupato. Il dato calcolato secondo il metodo austriaco, che esclude queste persone, è naturalmente più alto.