Se come me vivete da alcuni anni in Austria, forse vi sarete chiesti come va effettuata la dichiarazione dei redditi e se conviene quando praticamente non avete niente da dichiarare.

Premettendo che non sono un’esperto dell’argomento (in questo caso vi invito a rivolgervi almeno all’Arbeiterkammer che gratuitamente vi spiega tutto), vi posso almeno raccontare la mia esperienza.

Inizio dicendo che la dichiarazione può essere effettuata includendo al massimo gli ultimi 5 anni (per esempio adesso potete dichiarare dal 2012 al 2017).

Potete effettuarla compilando dei moduli cartacei da richiedere o all’Arbeiterkammer o direttamente al Finanzamt (l’equivalende dell’ Agenzia delle entrate) oppure  via internet. In questo caso basta creare un account nel sito del Finanzamt (FinanzamtOnline) e dopo alcuni giorni vi arriverà a casa una busta con i vostri dati d’accesso.

Sul sito, tra le tante cose, avrete già registrati i vostri Lohnzettel (cedolini) con il guadagno complessivo annuo.

La compilazione è molto facile.

Se non avete niente di particolare da dichiarare, oltre ai vostri dati (comprese le coordinate bancarie), dovrete mettere quanti datori di lavoro avete avuto durante l’anno.

Tenete conto che, se avete iniziato a lavorare verso la fine dell’anno spesso riceverete indietro non pochi soldi (con non pochi intendo anche tranquillamente 1000 e passa euro). Se avete cambiato più datori di lavoro con guadagni molto differenti tra di loro probabilmente anche in questo caso riceverete abbastanza.

Tra le cose che potete scaricare ci sono eventuali assicurazioni sulla vita,infortunio e malattia, donazioni a varie associazioni, spese per attrezzature da lavoro, libri per il lavoro, spese sanitarie ecc.

Compilando i moduli online avrete subito una panoramica dei soldi che riceverete e che entro due settimane vi verranno accreditati sul vostro conto.

Quindi, quando conviene fare lo Steuerausgleich? 

Praticamente anche quando non avete nulla da dichiarare!