Get a site

Storia di un tecnico di radiologia in Austria

Willkommen! Parliamo di Austria – vita, cibo, lavoro, cosa vedere. Ogni tanto però, vi secco con le mie riflessioni.

Storia di un tecnico di radiologia in Austria

Situazione lavorativa in Austria (Tecnico di Radiologia)

Visto la situazione italiana, molti stanno prendendo in considerazione l’idea di andare a lavorare all’estero.

Come dicevo in un vecchio post qui non vi aspettano a braccia aperte, nel senso che la situazione non è di estrema carenza né di carenza a dire il vero, però nemmeno disastrosa come quella italiana.
Leggevo di quasi 1000 iscritti per un posto e che si presentano in 500 a farlo. Numeri senza controllo, con nessuna possibilità si assorbire tutti questi laureati nemmeno per i prossimi 10 anni.

In Austria, per il momento, i tecnici che vengono “sfornati” sono proporzionati al fabbisogno (anche se ho sentito dire che stanno iniziando ad alzare “pericolosamente” i numeri).
Questo vuol dire che, per un posto, si presentano abbastanza persone ma neanche tantissime,di solito tra le 5/6 fino alle 15/20 persone in città come Vienna, Graz o Linz.

Personalmente non ho avuto tantissime difficoltà per trovare lavoro in Austria per almeno due motivi:

  1. Ho inviato CV in TUTTA l’Austria
  2. Avevo già 2 anni di esperienza lavorativa in Italia.

Ora la possibilità di ritrovare lavoro qui, se dovessi perderlo, sono maggiori in quanto:

  1.  Ho un ulteriore anno di esperienza (maturata in Austria)
  2.  Il mio tedesco è migliorato 
  3. Sto maturando esperienza presso uno dei più grandi ospedali d’Europa.

Quindi valutate bene prima di partire, o almeno createvi le giuste basi:

  1. Un livello decente di tedesco (tra A2-B1)
  2. Una buona disponibilità economica (sia per la procedura di riconoscimento che poi per il trasferimento, casa o stanza inclusa)
  3. Possibilmente un minimo di esperienza documentabile

Tenete conto che qui, anche nell’impiego pubblico, non esistono concorsi, quindi non esistono pure graduatorie. Fate un normale colloquio con il capo tecnico e se risultate idonei venite assunti.
Ogni posto, di conseguenza, anche nello stesso ospedale, ha una storia a se.

Io personalmente ricordo di avere mandato tantissimi CV presso l’Ospedale di Graz.
Ora non so il perché, fatto sta che non mi hanno mai nemmeno invitato al colloquio dicendo che cercavano persone con altre caratteristiche (quali? chi lo sa). Lo stesso mi è capitato in Vorarlberg, mai riuscito a fare nemmeno un colloquio, la mia candidatura è stata sempre scartata a priori.
Come potete vedere il mondo del lavoro austriaco non è semplicissimo (non solo nel nostro settore).
Cercano persone con profili professionali o esperienza acquisite in settori specifici e spesso venite tagliati fuori a priori.
Di conseguenza armatevi di pazienta, “miglioratevi” lavorativamente parlando e preparatevi a qualche delusione…oh ma alle delusioni siamo abituati!

Precedente

Quali sono le zone più ricche dell’Austria?

Successivo

Costo della vita in Austria.

6 Commenti

  1. Anonimo

    Ciao,innanzitutto grazie per il tuo contributo diretto e sempre utile sulla situazione lavorativa Austriaca, volevo chiederti informazioni (sempre se lo sai) sulla situazione lavorativa dei tecnici in Angiografia e Emodinamica. Sono figure riconosciute? Se si sono ricercate? Sai se il tecnico strumenta?Grazie tante e in bocca al lupo per tutto!

  2. Purtroppo non saprei dirti anche perché in angiografia e emodinamica non ci lavoro, quindi non ho idea di quali figure ci sono qui.Un saluto.

  3. Anonimo

    Ciao e grazie per il tuo contributo inerente la situazione lavorativa.Sono un Tecnico di Radiologia e conosco bene il tedesco fluente a livello B2(didattico), ma vorrei chiederti se hai un compendio di verbi e parole tedesche descrittive specifiche per la nostra professione, come ad esempio : angiografo, stativo, ROI etc. Ciö in quanto il tedesco di tutti i giorni e´ben diverso da quello che si utilizza in ambulatori di radiologia o sezioni radiologiche d´una clinica. Ich bedanke mich bei dir im Voraus für deine Antwort Alexander. Tamyla 🙂

  4. Ciao Tamyla! Grazie per il tuo commento e suggerimento. In linea generale posso dirti che i termini medici e radiologici non cambiano molto. Derivando dal latino non si ha nessuna difficoltà a riconoscerli.Per esempio angiografia diventa Angiographie, stativo Stativ, mammografia Mammographie e via dicendo. Altri sono in inglese quindi rimangono uguali. Per i termini medici, di solito sono detti in latino quindi non c'è alcuna difficoltà.Comunque sul sito della Siemens ti puoi divertirehttp://www.healthcare.siemens.de/medical-imagingLa difficoltà più grande rimane il dialetto. Quando ti diranno "gemma ovi mit dem C-bogen" le prime volte si suda freddo, almeno io.

  5. Ciao Alexander, avrei bisogno di alcune delucidazioni: il corso di tedesco lo posso fare qui in Italia? Per la convalida del titolo di studio a chi mi devo rivolgere? Grazie di cuore.

  6. Ciao! Certo puoi farlo in Italia. Per la convalida del titolo se guardi nei primi post spiego tutto. Comunque devi rivolgerti al ministero della salute austriaco. Saluti!

I Commenti sono chiusi.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén