Get a site

Storia di un tecnico di radiologia in Austria

Willkommen! Parliamo di Austria – vita, cibo, lavoro, cosa vedere. Ogni tanto però, vi secco con le mie riflessioni.

Tag: Disoccupazione

Tecnico di Radiologia vs Infermiere

Volevo oggi parlarvi del rapporto tra il Tecnico di Radiologia e l’Infermiere qui in Austria.
Ne sento il bisogno perché lo trovo molto differente rispetto all’Italia e sotto molti aspetti decisamente peggiore.
Come sapete parlo di solito sempre bene dell’Austria perché realmente, sia dal punto di vista lavorativo che per quanto riguarda la qualità della vita, ritengo l’Austria un gradino superiore rispetto l’Italia.
Questa però degli infermieri è una storia che mi lascia a tratti stupefatto.Forse il problema è da ricercare nel nostro comportamento, anche se a me sembra di comportarci in maniera amichevole. Forse è semplicemente la pressione di lavorare in un grande ospedale con molto lavoro (questo lo dico perché le infermiere delle stazioni, dove il lavoro procede in maniera rilassata, sono nel 90% molto più gentili delle infermiere in sala operatoria e nelle terapie intensive), anche se mi domando perché questo stress non influisca sui medici (a parte quelli di sala operatoria, che però rimangono spesso più gentili di tantissime infermiere).

Un’ altra causa è forse nel titolo di studio (anche se dal 2015 anche le infermiere cominceranno a frequentare una Fachhochschule).
I tecnici di radiologia hanno un Bachelor mentre gli infermieri un diploma (anche se per un italiano è una formalità, per gli austriaci il titolo è una fissazione).

Sostanzialmente noto e percepisco che, infermieri e tecnici qui in Austria non si considerano “colleghi”.
Questo mi appariva e mi appare molto strano, visto che in Italia tra noi e infermieri mi sembra che ci sia un buon rapporto, almeno dove ho lavorato io, e non ci sono divisioni così profonde come se si trattassero di due categoria completamente diverse.
Alla fine si tratta sempre di professioni sanitarie.
Per carità anche qui si riesce ad avere un buon rapporto con alcune/i infermieri, ma mi sembrano decisamente in minoranza rispetto all’Italia.
Poi anche il fatto di essere l’AKH ci mette del suo, visto che già ad Horn il discorso era un po diverso e la collagorazione era decisamente migliore.

La vostra realtà lavorativa invece com’è? Sarei veramente curioso di capire se questo austriaco è un caso isolato o in generale ci sono problemi tra tecnico e infermiere.

AMS

L’AMS è  in Austria quello che in Italia è l’ufficio di collocamento. 
Con un piccola differenza. 
Funziona meglio.
Io, per ora, non avuto modo di testarlo. Non ho ansia di farlo.
Questo ufficio vi aiuta non solo a trovare lavoro, di solito siete voi che dovete cercarlo insieme a loro e poi ogni mese fare un elenco di quali colloqui avete eventualmente avuto perché sono andati male o perché avete rifiutato, ma anche per frequentare corsi formativi o di lingua (se avete carenze evidenti col tedesco o se il motivo per cui avete perso o non trovate il lavoro  è proprio questo).
L’AMS è importante pure per ricevere il sussidio di disoccupazione. Quando comunicate di essere disoccupati, in base ai contributi versati (dovete aver lavorare almeno 52 settimane negli ultimi 2 anni anche  non continuativamente), riceverete il vostro sussidio di disoccupazione sul conto, ma anche in posta o inviato a casa. Il sussidio parte da subito, se siete stati licenziati e un mese dopo se vi siete licenziati. Di solito più alto era il vostro stipendio più alto sarà il sussidio (circa 80% del vostro stipendio mensile) e più anni avete lavorato più aumenta la durata del sussidio.

Lebenslauftag

Come da titolo oggi è il curriculum day.

Ho inviato  nove C.V. in giro per l’Austria. Meglio darsi da fare subito…il lavoro non lo regala nessuno e anche se in Austria la situazione non è disastrosa (4,9% di disoccupazione) non è neanche la migliore. Rimane il problema lingua, ma questo si vedrà quando dovrò affrontare il primo colloquio. Mi spaventa un po l’idea di lavorare in Austria. Come saranno i colleghi? Com’è organizzato il lavoro? Qual è il livello di competenza delle altre persone che lavorano? Quanto pretendono da chi lavora? Le domande sarebbero molte, ma se non inizio non riuscirò ad avere risposta 😉

p.s. In Austria esiste un equivalente del nostro ufficio di collocamento, l’AMS, che permette di cercare lavoro ma anche di riqualificare (con corsi professionali) chi il lavoro l’ha perso. Sono inclusi gli stranieri che non hanno una buona conoscenza del tedesco, per i quali vengono aperti corsi di lingua tedesca. Il dato sulla disoccupazione che ho citato sopra è quello calcolato con il metodo dell’ Eurostat in cui anche chi è disoccupato, ma frequenta questi corsi e quindi riceve un sussidio di disoccupazione, risulta occupato. Il dato calcolato secondo il metodo austriaco, che esclude queste persone, è naturalmente più alto.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén