Get a site

Storia di un tecnico di radiologia in Austria

Willkommen! Parliamo di Austria – vita, cibo, lavoro, cosa vedere. Ogni tanto però, vi secco con le mie riflessioni.

Storia di un tecnico di radiologia in Austria

Tag: Paziente

Libero dal cartellino

building-1080592_640

Lui non timbra

Una cosa che mi ha colpito il primo giorno di lavoro in Austria (una tra le tante), è stata l’assenza del badge da “timbrare”.

Al momento nei due ospedali pubblici in cui ho lavorato qui, non si fa uso di cartellino.
Hai i tuoi turni con 3 mesi di anticipo (così vuole la legge) e ogni settimana sai in quale reparto sei.
Al mattino, se hai il turno delle 7:30, ci si incontra con i colleghi nella cucina, chi vuole fa colazione, si parla un po, si legge il giornale e dopo 15/20 min si va a lavorare.

Nessun stress.

E appunto nessun cartellino da timbrare. Certe volte mi domando come è possibile che la fiducia regni sovrana anche in una città di 1.800.000 abitanti e in un ospedale con migliaia di dipendenti (tanti stranieri). Rimane il fatto che tutti siamo puntuali e rispettiamo l’orario di lavoro (concessi pure i 10/15 min per andare fino allo spogliatoio e cambiarsi). Forse c’è la paura/certezza, che se beccati a fare i fatti propri durante l’orario di lavoro si viene licenziati, anche se dipendenti pubblici.

Il lavoro è pensato anche con momenti in cui rilassarsi (quando si parte si parte di brutto).
Nel complesso trovo qui il lavoro decisamente più rilassante (nonostante le 2,3 ore in più alla settimana).
Ripensando a come lavoravo in Italia, tra tirocinio e lavoro ho girato 6 ospedali, non mi pento affatto della scelta presa.
L’impossibilità di avere un posto, anche piccolo, per potersi 5 min rilassare per mangiare o bere qualcosa.
Lavorare costantemente percependo la sfiducia del paziente (nel 50% dei casi).
Questo e altro non mi manca per nulla.

Non so se in futuro l’organizzazione del personale rimarrà in questo modo. Penso che molto dipenderà dal comportamento dei dipendenti e speriamo quindi, di scegliere il miglior comportamento.

Il cliente austriaco

Una prima cosa che mi sta lasciando perplesso (in senso positivo) sono i pazienti austriaci…
per chi ha lavorato in Italia capirà di cosa parlo.
Come sappiamo in Italia in linea generale si è abbastanza allergici al rispetto di una autorità (qualsiasi essa sia), sopratutto poi varcata la soglia dell ospedale tutti si sentono chi sa chi (sopratutto tutti si sentono medici,quindi perché vengono in ospedale? mah). Spesso (per fortuna non sempre visto che ancora di persone educate ci sono), per fare un esame sembra che sia il paziente a farti un favore a te e ogni cosa diventa una discussione (dal tempo di attesa, a cosa si deve togliere per fare l’esame al tempo necessario per la risposta e via cantando).
Dovete sapere che invece in Austria (sempre in linea generale) le persone di solito tendono ad aver un minimo di rispetto per chi ha un autorità o se non altro c’è un maggior rispettano per le regole.
In due mesi di lavoro ancora non ho sentito nessuno lamentarsi di quanto tempo ha dovuto aspettare prima di fare l’esame (e questo non perché aspettano poco…) o addirittura,cosa che mi è capitata in italia, di sindacare su quanto tempo stai impiegando per fare l’esame o peggio su quello che realmente è necessario togliersi per fare l’esame!!!
Per fare un esempio, l’altro giorno tra una chiacchiera e l’altra con i miei colleghi non avevamo visto che  fuori c’erano 4 persone in sala d’aspetto. Nessuno si è lamentano, nessuno mi ha sfondato la porta della diagnostica, nessuno si è messo a suonare il campanello in continuo e via dicendo (comportamenti che in italia, per chi lavora in ospedale sono la regola).
Rimane il problema anche in Austria della medicina difensiva (cioè quando arriva un persona al Pronto Soccorso a scanso di equivoci – e denunce – si fa un antipasto misto di RX così ci si butta sul sicuro). Ma questo dovrebbe essere un cambio di mentalità della gente…ma forse in Europa lo capiremo quando sarà necessario esibire prima la Mastercard e poi verrai caricato sull’ambulanza…

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén