Crea sito

Storia di un tecnico di radiologia in Austria

Willkommen! Parliamo di Austria – vita, cibo, lavoro, cosa vedere. Ogni tanto però, vi secco con le mie riflessioni.

Storia di un tecnico di radiologia in Austria

Categoria: Austria (Page 1 of 5)

Perche non tornerei in Italia

Post che si lega con quello che ho scritto prima e che in parte ripete alcuni punti…

Sono 5 anni che vivo in Austria, un tempo sufficiente per stabilire e decidere se questo è il posto dove voglio vivere o no.

Come potete capire dal titolo  ho già preso la mia decisione e ora cercherò di spiegarvi il perché.

Il primo motivo, banale per alcuni, o fondamentale per altri, è quello economico.

A parità di lavoro in Austria guadagno di più. Questo ha altre implicazioni. Visto che non ho come obiettivo fare soldi, non perdo tempo in straordinari per avere 100€ in più al mese, soldi che forse in Italia sarebbero stati necessari.

Quello che guadagno in più, paradossalmente, mi permette anche di risparmiare tempo, che quindi posso dedicare ad altre attività.

Il secondo motivo, in parte legato al denaro è anche il fatto di vivere con meno ansia. Non ho paura di spendere 10€ in più al supermercato, di andare al cinema o mangiare fuori. Non ho ansia di non essere in grado di affrontare spese impreviste.

Ho meno stress anche perché il posto di lavoro (colleghi, superiori, pazienti) sono molto più rilassanti rispetto dove ho lavorato in Italia. Le discussioni, almeno quelle serie, succedono raramente. I pazienti, nel 99% dei casi, non sono li a puntare il dito o a fare inutili polemiche.

Un terzo motivo è la sicurezza. L’Italia non è il Sudamerica, ma non è nemmeno l’Austria. Furti in casa, furti d’auto, borseggi e via dicendo sono rari anche in grosse città come Vienna. I bambini di 6/7 anni vanno a scuola da soli prendendo il treno. Io avrei paura a mandare mio figlio/a da solo, ma questo perché vengo da una nazione dove è praticamente impensabile una cosa del genere. Questo succede anche a Vienna e non solo nel paesino di Heidi.

Quarto: i servizi. L’Austria ha ottimi servizi. Non ho idea se sono uguali o superiori a quelli dei paesi scandinavi, ma sicuramente sono tra i migliori in Europa e meglio di quello che offre l’Italia. Unica pecca è la burocrazia; non siamo distanti dai livelli italiani, anche se stanno cercando di porre rimedio, vedremo.

Quinto: l’ambiente. L’Italia ha naturalmente bellissimi posti da visitare, ma per fortuna anche l’Austria non è da meno. Se si ha voglia si può passare molto tempo nella natura.

Ora però vi dico le due cose che sicuramente non sopporto:

  1. La totale mancanza di rispetto dei fumatori, che hanno dalla parte loro la legge. Fumano molto e dappertutto.
  2. Il fatto che l’80% degli austriaci fanno sempre le stesse cose e hanno gli stessi Hobby. Difficile trovare un “tipo particolare” come invece avviene spesso in Italia. Potremmo dire che sono molto standard, non ti deludono ma nemmeno di fanno impazzire.

La mia vita in Austria continua (update)

Oggi ho controllato da quanto tempo non scrivevo un articolo sul blog…

sono passati 9 mesi, potremmo dire una vita, almeno se parliamo di tempi da “bloggista”, o come cavolo si dice.

Il tempo per scrivere qualcosa ormai è decisamente poco, anche perché la famiglia si è allargata, quindi dedicare tempo ad altre cose diventa sempre più difficile.

Ho rimesso un po di ordine nel blog, eliminando una serie di articoli che ho ritenuto superflui, lasciando quasi solamente articoli che riguardano l’Austria e che potrebbero interessare a chi si trasferisce qui.

Ho eliminato anche la possibilità di scrivere commenti (sempre in ottica ottimizzazione tempo e anche perché tra una nuova legge e un’altra gestire un blog diventa sempre più seccante).

Cambiando argomento; il mio lavoro in radioterapia prosegue, ho ormai da diverso tempo un contratto a tempo indeterminato, quindi lavorativamente parlando non credo che sposterò il mio sedere da dove mi trovo. Questo per diverse ragioni:

Primo, mi piace il lavoro, lo trovo il più interessante nel nostro settore.

Secondo, mi trovo bene con i colleghi (capa inclusa)

Terzo, lavorare con persone purtroppo realmente malate ti fa apprezzare maggiormente quello che fai.

Quarto, proprio per le motivazioni del terzo punto, i pazienti apprezzano molto quello che tu fai per loro.

Quinto, faccio orario d’ufficio 8-16:30, sabato, domenica e festivi a casa. Notti sul mio letto (avendo fatto le notti non ci sono 400€ al mese che tengono). Facilità a ottenere un giorno libero.

Sesto, si collega al punto quinto, più tempo da dedicare alla mia famiglia a stare con amici e fare le cose più importanti (almeno per me).

Settimo, guadagno in maniera soddisfacente (molto di più dell’Italia e  più di Vienna), tenendo sopratutto del carico di lavoro.

Forse potrei allungare l’elenco ma già questi 7 mi bastano e mi avanzano per non farmi muovere dal mio posto di lavoro.

Bene, ora che vi ho annoiato, vi do appuntamento alla prossima.

Dico sempre che mi impegnerò a non far passare molto tempo tra un articolo e l’altro e anche questa volta ci proverò. Ho in mente già qualcosa, devo solo ordinare un pochino le idee, trovare qualche documentazione utile e poi tiro giù qualche articolo!

Auto – Tassare il possesso o l’utilizzo?

L’Austria e l’Italia hanno un sistema di tassazione delle auto simile ma partono da presupposti diversi.

Se per quanto riguarda le assicurazioni i prezzi non sono molto diversi (preciso però che vale quando parliamo di classi alte, nelle classi bassi i prezzi austriaci di solito sono molto più economici di quelli italiani), la tassa di possesso tra Austria e Italia varia di molto.

Per la mia C3 con 82 cv in Italia pagavo circa 180€ di bollo, in Austria pago circa 290€, parliamo quindi di una bella differenza, che aumenta notevolmente se si possiede un’auto con più cavalli/kw.

Oltre all’assicurazione e la tassa di possesso, sulle auto gravano almeno altre due spese che dipendono dall’utilizzo e precisamente la benzina/gasolio e l’utilizzo delle autostrade.

In questo caso in Austria vi ritroverete a risparmiare, sopratutto se utilizzate molto l’auto, un bel po di soldi.

Gasolio e benzina costano mediamente 30 cent meno che in Italia e l’utilizzo delle autostrade costa 87€ circa all’anno (a parte alcuni tunnel e ponti).

Si capisce da se che, con una percorrenza ad esempio di circa 15.000/20.000 km all’anno e viaggiando molto in autostrada, il sistema di tassazione austriaco fa risparmiare un bel po di soldi, sopratutto alle aziende.

Ricordo che in Italia, viaggiando in autostrada tra Modena e Reggio Emilia, mi trovavo a spendere solo di autostrada circa 80€ al mese.

Mettiamoci anche il costo della benzina…alla fine i 110€ all’anno che si pagano di più di bollo sono compensati ampiamente.

Quale sistema è quindi migliore?

Per un cittadino privato, in alcuni situazioni (scarso utilizzo dell’auto) la differenza tra il  sistema austriaco e italiano è trascurabile. Per chi invece, deve utilizzare molto l’auto, come le aziende, il sistema di tassazione austriaco è migliore.

Tirocinio

learn-916677_640

Prima di parlarvi della mia esperienza in radioterapia, volevo scrivere qualcosa sul tirocinio in Austria.

In questi 3 anni di lavoro ho potuto vedere diversi studenti delle Fachhochschule austriache e ho potuto constatare alcune differenze rispetto alla mia esperienza da tirocinante.

Prima di tutto i tirocinanti, spesso, devono trovare loro la sede/i per fare il tirocinio, questo quindi permette alcune volte di trovare un’ospedale vicino casa. Dobbiamo tenere conto delle dimensioni dell’Austria e del  fatto che alcuni reparti come medicina nucleare o radioterapia non sono presenti in quantità abbondante come in Italia.

Poi  c’è molta flessibilità nell’orario e nei giorni di tirocinio. A volte gli studenti possono decidere di rimane più a lungo per recuperare alcune ore (ad esempio quando poi devono andare a fare un esame o si devono preparare per un esame).

Altro aspetto interessante è l’esame pratico di tirocinio. Alcune sedi decidono di fare un esame pratico solo sulla radiologia tradizionale, o al massimo TC e risonanza magnetica, altri, invece, decidono di includere anche  la radioterapia e la medicina nucleare.

L’ultima cosa che ho potuto notare, e forse la più importante, è che qui si lascia il tirocinante veramente lavorare. Spesso e volentieri non ci si pone il problema di dover rallentare un po’ il lavoro per permettere ai tirocinanti di lavorare veramente e saperlo fare subito dopo usciti dalla scuola. Al massimo si spiega ai pazienti che il collega sta facendo pratica e che quindi si va un po’ a rilento (e qui aiuta anche l’atteggiamento dei pazienti austriaci decisamente più collaborante rispetto in Italia).

Queste sono alcune importanti differenze che ho potuto vedere tra il mio tirocinio e quello che fanno qui. Tenete conto che anche in Austria esistono differenze tra Uni e Uni su come gestire queste cose, quindi il discorso non vale per l’intera Austria ma solo per quello che ho visto io.

E voi che esperienze avete avuto nel vostro tirocinio?

ÖAMTC

L´ÖAMTC (Österreichische Automobil-, Motorrad- und Touring Club), ossia l’equivalente italiano dell’ACI è uno dei principali Automobilclub austriaci (il secondo è l’ARBÖ) con una copertura piuttosto capillare del territorio austriaco (arriva al 95%).

Ve ne parlo oggi perché da circa un mese sono socio pure io.

In Italia ero già socio dell’ACI e per circa due anni in Austria non avevo fatto nulla.

Dato che la mia C3 ha ormai 3 anni, si sa che già potrebbe iniziare a non funzionare qualcosa (tipo una bella giornata fredda di domenica e ti ritrovi la batteria scarica).

Così ho deciso di fare la scheda socio… sfortunatamente, domenica scorsa (naturalmente di domenica), mi sono ritrovato con una gomma a terra e ho pensato, quindi,  di fruttare e testare questo ÖAMTC.

Chiamo verso le 16:00 di pomeriggio, praticamente in maniera immediata risponde la centralinista. Dico qual è il problema, dove mi trovo, il mio numero di carta socio e mi chiedono se ho con me una ruota di scorta o la devono portare loro. Infine mi dice che entro 45 min. arriverà l’addetto per l’intervento.

Chiusa la chiamata mi arriva una email e un SMS di conferma della mia richiesta con scritta l’ora d’arrivo del personale. Loggandomi sul sito era presente anche li la richiesta con la possibilità di modificarla o annullarla.

Puntuale dopo 45 min arriva questo signore dell’ÖAMTC, gonfia la ruota la controlla e ci trova sto maledetto chiodo. Ripara la ruota e in praticamente 15 min il problema era risolto. Diciamo che in un’ora esatta hanno finito tutto.

Direi che essendo un’intervento di certo non urgente i tempi mi sono sembrati soddisfacenti.

Il costo annuale per diventare socio sono di circa 80€ per il pacchetto base che comprende, tra la altre cose, la possibilità di fare la revisione da loro (e parlando con diversi austriaci mi hanno detto che conviene perché costa meno e non si rischia, a differenza del meccanico, di dover cambiare dei pezzi che potrebbero andare ancora bene ma…).

Come la scheda socio italiana, anche quella austriaca ti permette di essere soccorso all’estero per un numero limitato di volte per anno.

Quindi per me questi 80€ sono spesi beni. Se avete esperienze al riguardo scrivete pure nei commenti!

L’incubo burocratico di ogni emigrato italiano

Reazione appena sai che devi chiedere un documento in Italia

Reazione appena sai che devi richiedere un documento in Italia

Personalmente, e credo se qualcuno ne ha avuto a che fare, anche per altri, è il
CASELLARIO GIUDIZIALE!!!
E’ davvero un incubo.
Sapete perché?
Perché, se non sbaglio, è l’unico documento che non può essere richiesto all’ambasciata/consolato italiana/o, ma deve essere richiesto direttamente in Italia.
Se già questo è seccante per me che sto in Austria, figuriamoci per chi vive in Australia!

Per richiederlo dovete compilare questo modulo e inviarlo in un qualsiasi tribunale italiano (non necessariamente quello di residenza). Io personalmente l’avevo richiesto a Bolzano per ottenere una copia direttamente in tedesco.

Il problema nasce dal pagamento delle marche da bollo, che naturalmente potete trovare solo in Italia.
Quindi che fare?
Ho mettere dei soldi nella busta necessari per comprare le marche e quindi se ne occuperà l’ufficio a metterle, oppure dovete chiedere a qualcuno che sta in Italia di portare tutto e spedirvi per posta il documento.

Io volevo scegliere la prima opzione ma alla risposta; ” se si fida di mettere i soldi” ho cambiato idea.

Quindi ho preferito spedire il documento di richiesta a mio padre e lui a sua volta ha messo le marche da bollo più una busta già con il mio indirizzo austriaco e un francobollo per l’Austria.

Questa modalità, leggendo su internet, è quella maggiormente utilizzata da chi vive all’estero.

Rimane un grosso problema, sopratutto se non avete qualcuno in Italia.

Mi domando quindi dove possa nascere la difficoltà burocratica che impedisce al consolato stesso di informarsi presso un tribunale italiano e poi rilasciare questo documento per chi è iscritto all’AIRE.
Rimango con questo dubbio e sudo freddo quando lo devo richiedere!

Tecnico di Radiologia vs Infermiere

Volevo oggi parlarvi del rapporto tra il Tecnico di Radiologia e l’Infermiere qui in Austria.
Ne sento il bisogno perché lo trovo molto differente rispetto all’Italia e sotto molti aspetti decisamente peggiore.
Come sapete parlo di solito sempre bene dell’Austria perché realmente, sia dal punto di vista lavorativo che per quanto riguarda la qualità della vita, ritengo l’Austria un gradino superiore rispetto l’Italia.
Questa però degli infermieri è una storia che mi lascia a tratti stupefatto.Forse il problema è da ricercare nel nostro comportamento, anche se a me sembra di comportarci in maniera amichevole. Forse è semplicemente la pressione di lavorare in un grande ospedale con molto lavoro (questo lo dico perché le infermiere delle stazioni, dove il lavoro procede in maniera rilassata, sono nel 90% molto più gentili delle infermiere in sala operatoria e nelle terapie intensive), anche se mi domando perché questo stress non influisca sui medici (a parte quelli di sala operatoria, che però rimangono spesso più gentili di tantissime infermiere).

Un’ altra causa è forse nel titolo di studio (anche se dal 2015 anche le infermiere cominceranno a frequentare una Fachhochschule).
I tecnici di radiologia hanno un Bachelor mentre gli infermieri un diploma (anche se per un italiano è una formalità, per gli austriaci il titolo è una fissazione).

Sostanzialmente noto e percepisco che, infermieri e tecnici qui in Austria non si considerano “colleghi”.
Questo mi appariva e mi appare molto strano, visto che in Italia tra noi e infermieri mi sembra che ci sia un buon rapporto, almeno dove ho lavorato io, e non ci sono divisioni così profonde come se si trattassero di due categoria completamente diverse.
Alla fine si tratta sempre di professioni sanitarie.
Per carità anche qui si riesce ad avere un buon rapporto con alcune/i infermieri, ma mi sembrano decisamente in minoranza rispetto all’Italia.
Poi anche il fatto di essere l’AKH ci mette del suo, visto che già ad Horn il discorso era un po diverso e la collagorazione era decisamente migliore.

La vostra realtà lavorativa invece com’è? Sarei veramente curioso di capire se questo austriaco è un caso isolato o in generale ci sono problemi tra tecnico e infermiere.

Se un austriaco vi invita a mangiare a casa sua…

Se un austriaco vi invita a mangiare a casa sua, probabilmente vi chiederà conferma un mese prima!

Non scherzo.
Mi è capitato più di una volta di essere invitato a cena, ma con un mese o più di anticipo.
Diciamo che avete molto tempo per preparavi, però a sapere se si sarà liberi da qui ad un mese…una parola (soprattutto con il nostro lavoro).

Facciamo che il mese è passato e andate a cenare a casa del vostro amico.
Come in Italia (e penso in tutta Europa/mondo) portate qualcosa anche voi; vino e dolci sono sempre graditi,  tra giovani direi anche un bel po’ di birre.

Cosa vi potete aspettare?

Il classico menù da famiglia austriaca è (o potrebbe essere):

Primo:  Zuppa (Suppe) con pastina o con Crêpe, come questa in foto.
Secondo: La sacra Wiener Schnitzel.
Contorno: Erdäpfelsalat o Gurkensalat.
Dolce: potrebbero essere diverse cose ma tipico è il Kaiserschmarrn.
Da bere naturalmente birra, vino oppure radler.

A essere sincero la cucina austriaca non è male. Mi disturba il troppo uso di carne, che io non amo tantissimo, ma per il resto è ok.

Se salite da queste parti, vi consiglio di mangiare queste cose, poi fatemi sapere se vi sono piaciute!

Austriaci o Viennesi?

Per chi come me, ha vissuto sia a Vienna che in altre parti dell’Austria, forse avrà intuito di cosa voglio parlare.

Premetto che sono abbastanza soddisfatto della mia “vita viennesse”, però ammetto che, la mia “vita austriaca” era più piacevole.

Naturalmente ci sono diversi vantaggi nel vivere in una grande città, ma vivere nelle piccole città austriache secondo me è il massimo a livello di qualità della vita.

Prima di tutto perché anche i piccoli centri qui hanno tanti servizi, non paragonabili all’Italia.
I mezzi di trasporto sono buoni e viaggiare con la macchina non è “un affare per ricchi” (pagata ieri la benzina 1,159 €/l, il diesel va a circa 1€/l).
Quindi la mancanza della città  qui si sente meno che in Italia.

Quello che mi manca del Land (un po come dire campagna in Italia) è la semplicità delle persone.
Diciamo che sul posto di lavoro Viennesi e Austriaci si notano subito.

I primi (discorso generale naturalmente, visto che un collega con cui vado spesso a bere una birra insieme è un viennese doc e mi trovo benissimo) li troverete con un viso da zombie, senza un sorriso nemmeno a pagarli e con la voglia di fare discussione su qualcosa cosa che secondo loro non va bene anche alle 7:30 di mattina.
I secondi saranno sorridenti, parleranno del più e del meno e non si metteranno a fare polemica su ogni piccolezza, diciamo che sono tipi che non hanno intenzione di farsi rovinare la giornata di prima mattina.

Altra differenza: i viennesi si sentono intelligenti, alla moda, diciamo gente da grande città. Ma alla fine il background contadino c’è tutto.
Quasi tutti gli austriaci non viennesi, vi diranno che è impossibile vivere a Vienna e che i viennesi sono “grantig” (scontrosi/burberi). Effettivamente non hanno tutti i torni se Vienna si guarda con gli occhi di “un’austriaco”.
Sicuramente se venite dall’Italia Vienna non vi sembrerà per niente male e troverete i viennesi dopo tutto gentili e disponibili (vero per la realtà italiana), ma vi assicuro che se poi vi spostate in altri parti dell’Austria poi comincerete a notare la differenza. Anche a livello di organizzazione, rispetto al resto dell’Austria, Vienna a volte lascia a desiderare. Tanto di cappello, comunque, per una città di 1.800.000 di abitanti, che aumentano di 20.000/30.000 ogni anno e che dopo tutto, sempre confrontandola con altre realtà europee e mondiali, rimane una città al top.
Quindi, forse è l’Austria che mi ha (ci ha) abituato troppo bene!

I supermercati austriaci

carts-419237_640
Ho notato su internet e nella vita reale, che molte persone, che hanno intenzione di trasferirsi in Austria, hanno una fobia di cosa troveranno nei supermercati locali.
Io direi principalmente cibo.
Ma quale?
Quello che mangiamo noi europei.
Capisco che Austria suona quasi come Australia (forse nemmeno li c’è grossa differenza), ma vorrei ricordare che è un paese Europeo che confina con l’Italia. Direi quindi che vi va (ci va) molto bene, nel senso che si riescono a trovare tante cose tipicamente italiane (sempre se siete disposti a pagare di più).
Naturalmente se cercate cose tipicamente regionali (diciamo cose che spesso  nemmeno in Italia stessa se andate in altre regioni trovate) non sempre è facile o spesso impossibile. Oppure se tanto vi mancano e vivete a Vienna probabilmente le troverete ma con un prezzo doppio o triplo.
Quindi a voi la scelta.
A casa nostra mangiamo un po di tutto.
Alcune volte italiano a volte russo e a volte austriaco.
Non mi sono mai posto il problema di assaggiare piatti di altre nazioni e non mi prende assolutamente il panico se non trovo più i miei biscotti preferiti, diciamo che cerco altre cose simili o totalmente diverse che però mi piacciono lo stesso.
Vedendo la sofferenza di certi italiani all’estero, direi che un fattore da tenere conto in caso vogliate emigrare è: ” quanto sono flessibile nel mangiare?”.
Sembra una cretinata, ma ho visto che, insieme al clima (e qui permettetemi di ridere, sopratutto quando a dirmelo sono settentrionali, poi per quelli che vivevano in Basilicata o sulla Sila, rido il doppio), il cibo fa entrare in crisi tanti immigrati, sopratutto italiani, ma non solo.
Di conseguenza lo ribadisco ancora una volta: se decidete di lasciare l’Italia per un altro paese, Austria o non Austria, valutate tutto.
Clima, cibo, lingua, cultura, distanza….
Dimenticavo! La cosa che vi dovrebbe preoccupare dei negozi alimentari austriaci sono gli orari.
Aprono alle 7:30/40 e chiudono (da circa 1 anno è così prima era alle 19:00) alle 20:00, tranne il sabato dove chiudono alle 18:00, mentre la domenica sono aperti solo nelle stazioni dei treni e di servizio.

Page 1 of 5

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén