Riforma della sanità austriaca

Nel 2020 dovrebbe entrare in vigore un’importante riforma della sanità in Austria.

Al momento esistono almeno 9 casse malati più altre casse legate ad alcune professioni (come i contadini o i ferrovieri), in tutto si arriva a 21. Le prestazioni offerte non sono armonizzate. Praticamente pagate le stesse tasse, ma alcune casse offrono migliori servizi di altre. Con il nuovo sistema esisteranno solo 5 casse malati (una per dipendenti privati, una per dipendenti pubblici, una per pensionati, una per liberi professionisti e una per infortuni).

Lo scopo? Ridurre i costi e armonizzare le prestazioni (adeguandoli alle casse che offrono i migliori servizi, almeno cosi´ dicono).

Escluse da questa riforma sarebbero le “casse malati” (lo scrivo in virgolette perché dal punto legislativo non lo sono) di alcuni Land come l´Alta Austria o il Tirolo.

Si parla di almeno 1 miliardo/anno di risparmio, sopratutto quando il nuovo sistema entrera´ completamente a regime.

Cosa cambia per i pazienti? A quanto pare non molto, anzi, chi riceve al momento prestazioni peggiori di altri, dovrebbe vedersi riconosciute piu´ cose rispetto a prima.

Queste le parole e le promesse. Per quanto riguarda i fatti? Ne riparleremo tra qualche anno…